Pagamenti e Detrazioni

Nuova Legge di Bilancio 2020

Con lo scopo di limitare l’utilizzo del contante, la legge di Bilancio 2020 ha introdotto (art. 1, c. 679) l’obbligo di utilizzare mezzi di pagamento tracciabili (bonifici, assegni, carte di credito e di debito, ecc.) per poter usufruire della detrazione del 19% degli oneri indicati all’art. 15 del TUIR.

Tuttavia, il successivo comma 680 stabilisce che la disposizione di cui al comma 679 NON si applica alle detrazioni spettanti in relazione alle spese sostenute per l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici, nonché alle detrazioni per prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio sanitario nazionale”.

Pertanto, gli acquisti di dispositivi medici (tra i quali gli ausili per incontinenza) potranno ancora essere effettuati in contanti.

Infine, la metodologia di pagamento adottata dai clienti non ha impatto sull’applicazione dell’aliquota IVA agevolata al 4%.

 

Limite pagamenti in contanti 2020

dal 1° luglio 2020 il limite per i pagamenti in contanti è stato abbassato come stabilito dal Decreto fiscale n. 124/2019 collegato alla manovra di Bilancio, che limita l’uso dei contanti a favore della tracciabilità dei pagamenti, con finalità antiriciclaggio e di rafforzamento degli strumenti antievasione.

Tale limite comporta che:

  • fino a 1.999 euro è possibile dare soldi in contanti ad un’altra persona/azienda
  • da 2.000 euro in su è necessario l’utilizzo di strumenti tracciabili (bonifico bancario, carta di credito, ecc.) per poter trasferire risorse da un soggetto ad un altro.